07 agosto 2007

Corso di giapponese : sesta puntata

Natsuyasumi ni nani o suru?

Cosa fai in questa vacanza estiva?
Nihon ni iku.

Vado in Giappone.
Sorekara?

Poi?
Tomodachi ni au.

Incontro gli amici.
Soredake?

Solo?
Hon o takusan yomu.
Eiga mo takusan miru.
Sorekara umi de oyogu.
Leggerò tanti libri.
Guarderò anche tanti film.
Poi nuoterò nel mare.
Kakashi sensei,
Naruto-kun wa
natsuyasumi ni
Nippon ni itte,

tomodachi ni atte,
hon o yonde,
eiga o mite,
umi de oyogu soodesu.
Kakashi sensei,
Naruto mi ha detto che
in vacanza va in Giappone,
si incontra con gli amici,
legge tanti libri,
guarda molti film,
e nuota nel mare.
Ninjutsu no renshuu mo
shinasai.

Fai anche allenamento di ninjutsu.

Hai!
Sìssignore.

Siccome Marco ha commentato al post precedente sui verbi "te-kei", questa volta ho raccolto i verbi con "-te".

"iku" andare : lo modifichiamo con -te : itte
"au" incontrare, vedere (qualcuno) : atte
"yomu" leggere : yonde
"miru" vedere, guardare : mite


Vi sembra che questi maledetti verbi non hanno una regola, è vero?
Abituatevi con tanta pazienza.
E' possibile scomporre e analizzare ogni verbo, volendo, ma dubito che vi aiuti.

A parte il verbo "miru" sono i verbi di godan (5 gradini).
Cioè facendo rimanere la testa della parola, cambiano A, I, U, E, O, dipende dalle usanze.

"yomu"
yomAnai
yomImasu, yomImasen, yomItai, ecc.
yomU infinito
yomE, yomEba
yomOo

"iku"
ikAnai
ikImasu, oyogImasen, oyogItai
ikU
ikE, ikEba
ikOo

La maggior parte dei verbi giapponesi appartengono a questo tipo.
I verbi formati con"-te" corrispondono alla seconda fase con I.

La variazione del verbo "yomu", di cui la seconda fase è "yomIte".
Questa cambia "yonde".

Anticamente veniva detto "yomite" ma oramai si dice "yonde" per comodità.
Quindi se dici "yomite", comunque ti capiranno. Ma dai l'impressione di una persona di mille anni fa!

altri verbi in forma in -te:
"oyogu" → oyogite → oyoide
"au" → aite → atte
"iku" → ikite → itte
"kaku" → kakite → kaite
"warau" → waraite → waratte

Allora, cosa fate in vacanza?

by Lana

6 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. O_O oops ho sbagliato tasto!

    che faccio in vacanza? spenderò tutto il tempo ad imparare l'ultima lezione di giapponese che hai postato!^O^ hahahahahaha

    No no scherzo...quest'estate in vacanza non ci vado proprio...lavorerò come tutto il resto dell'anno T_T...devo risparmiare per l'università e per organizzare un viaggio come si deve nel tuo Giappone ;)

    RispondiElimina
  3. Bellissima lezione!
    Finalmente ho capito qualcosa in più sui verbi in -te vedo che sono usatissimi nelle canzoni e non so mai come tradurli...
    Ciao
    Murasaki

    RispondiElimina
  4. Grazie mille, Lana. Ormai non so piu' neanche come ringraziarti per la tua gentilezza. I verbi giapponesi sono abbastanza facili (almeno finora non ho incontrato problemi) e per la te-kei ho trovato uno schemino semplice (anche da ricordare) che e' basato su come finisce la jisho-kei (forma del dizionario). La forma che finisce con oo e' la forma esortativa? Cioe' ikoo allora sarebbe usciamo (invito a uscire, cosi': 行こう?)? Grazie ancora, Lana e un saluto anche a Lamu'.

    Marco
    P.S.: Scusa se ti faccio sempre domande, ma le tue lezioni sono cosi' interessanti che mi suscitano sempre nuove curiosita'. Lana sei la sensei piu' brava del mondo.

    RispondiElimina
  5. OMOSHIROKUTE BENRI NA JUGIO DESU.
    GAMBATTE KUDASAI
    CIAO
    ANTONIO

    RispondiElimina
  6. ciao Lana.. è il secondo commento che posto =) questo non perchè voglio solo scrivere commenti ma perchè sono davero interessata! e seguo il vostro blog da un pò ^^
    ho letto spesso "ni" "no" "ga" e altri simili, ma non ho capito cosa significano e quando si mettono!
    potresti spiegarmelo?
    =^^= arigatoo (che se non ricordo male si scrive cosi!) in anticipo.
    ciao Simo =)

    RispondiElimina